Home Tecnologia Le 10 curiosità sul vetro

Le 10 curiosità sul vetro

0
Le 10 curiosità sul vetro
sheets of factory manufacturing tempered clear float glass panels cut to size.

Nella nostra vita da oltre 5.500 anni, il vetro è stato un elemento che ha suscitato passione, curiosità tra gli scienziati e l’ingegnosità degli artigiani. Allo stesso tempo, è stato un elemento che ben lavorato ha nobilitato diverse costruzioni, sia attraverso la semplice aggiunta di una balaustra di vetro alle vie di circolazione di una casa, sia attraverso la realizzazione di giochi artistici molto più complessi sotto forma di vetrate.

Ma ecco di seguito una top 10 delle curiosità legate al vetro!

Ma ecco di seguito una top 10 delle curiosità legate al vetro!

10. Espulsione dei vetrai

In Italia, sin dai tempi dei Romani, l’arte della lavorazione del vetro era molto apprezzata. Tuttavia, il famoso vetro di Murano sarebbe quasi stato chiamato in altro modo se i mercanti di Venezia non avessero vissuto con la paura dei possibili incendi che le fornaci dei vetrai avrebbero potuto provocare.

Così, nel 1291, tutte le fornaci del famoso paese italiano furono trasferite sull’isola di Murano per garantire maggiore sicurezza agli abitanti della città.

9. 100% riciclabile

100% riciclabile

La sua essenza, il vetro non è altro che sabbia fusa a temperature superiori ai 1700 gradi Celsius. È anche l’unico tipo di imballaggio utilizzato nell’industria alimentare che può essere riciclato al 100%. Ma, naturalmente, non solo il vetro utilizzato per alimenti e bevande può essere riciclato, ma anche quello utilizzato in altri settori come la tecnologia o l’edilizia, ad esempio, che si tratti dello schermo di un telefono cellulare o di una balaustra di vetro.

8. Museo dedicato

Il vetro è così profondamente radicato nella nostra vita che a New York ha il suo proprio museo. Il Corning Museum of Glass ospita 45.000 pezzi d’arte in vetro, rappresentando la più grande collezione di questo tipo al mondo.

7. Pezzo raro

La Vaso di Portland è considerato uno dei più rari manufatti in vetro. Si crede che sia stato creato nell’Impero Romano nei primi anni del cristianesimo.

6. Lunga vita

Per decomporsi naturalmente, il vetro ha bisogno di circa un milione di anni, secondo le ricerche condotte negli ultimi decenni. Ora si capisce perché il riciclaggio del vetro diventa un elemento importante, che si tratti di un piccolo specchio rotto o di pareti sostituite su una balaustra di vetro.

5. L’era moderna

Ingresso del vetro come elemento di consumo di massa ha dato il via alla modernità. In paesi come l’Inghilterra, la Germania o la Francia, il vetro è iniziato ad essere utilizzato come tipo di finestra o elemento decorativo nelle case solo a metà del XVII secolo. Nell’Europa dell’Est, l’accesso della popolazione al vetro come bene di consumo è stato più tardivo.

4. Uomini di vetro

Carlo VI, noto anche come il Re Pazzo di Francia, aveva la mania di immaginare di essere fatto di vetro e qualsiasi suddito vicino al re doveva trattarlo con la massima attenzione per non “deteriorarlo”. In realtà, esiste una rara malattia chiamata “ossi di vetro”, in cui i pazienti soffrono di una fragilità estrema del sistema osseo. Anche se rari, questi casi richiedono particolare attenzione da parte della famiglia e dei medici, in molti casi richiedendo installazioni speciali come una balaustra di vetro nelle case di questi pazienti.

3. Alla massima velocità

La fragilità del vetro è data dalla velocità con cui le crepe avanzano nel materiale. Un vetro normale rotto raggiunge una velocità di 4.500 km/h.

2. Il problema di Ford

Nell’era pionieristica dell’industria automobilistica, i parabrezza montati sui veicoli non erano realizzati con il vetro temperato, come avviene attualmente, ma con il vetro utilizzato nelle comuni finestre dell’epoca. Naturalmente, gli incidenti comportavano rischi ancora maggiori per i passeggeri delle auto. Anche Henry Ford ha subito un incidente in cui i frammenti del parabrezza rischiavano di ucciderlo.

Turbato dal problema, il padre dell’industria americana ha chiesto l’aiuto di un suo dipendente e di un vetraio britannico, che hanno collaborato insieme per diversi anni per perfezionare il modello di parabrezza in vetro temperato.

  1. Record autoctono

Anche se New York vanta la più grande galleria d’arte in vetro del mondo, la Romania non è da meno. La sede della Biblioteca Provinciale di Valcea ospita un’opera di vetro dichiarata “la più grande del mondo”. All’artista Gheorghe Dican ci sono voluti quasi dieci anni per realizzare i pezzi di vetro colorato che compongono la cupola del vitrale dell’istituzione. Questo crea un’atmosfera insolita nella hall centrale della biblioteca, filtrando e colorando i raggi di luce in modo affascinante che riesce a mettere in risalto l’arredo modernista della sala centrale, caratterizzata dalle scale in marmo bianco affiancate da una balaustra di vetro.

Il tempo impiegato per questo lavoro è stato giustificato dalla procedura di lavorazione del vetro, le aggiunte di colore a ciascun elemento del vetrata di Vâlcea sono state realizzate utilizzando la tecnica degli sticlieri dell’inizio della nostra era. E come idea, l’arte che risale al V secolo non ha mai cambiato i suoi segreti nel corso del tempo.